Il politico ex democristiano e fuoriuscito da Veneto Stato implicato in una brutta storia

Giustino Cherubin indagato?

In ambito venetista la notizia del giorno è sicuramente quella di una denuncia che secondo la “tribuna di Treviso” sarebbe stata fatta nei confronti di Giustino Cherubin e altri in merito a una truffa da 1,8 milioni di euro nei confronti dell’Unione Europea. Le contestazioni riguardano l’attività di una associazione (la Efal) relative a corsi di formazione “gonfiati” per disoccupati, finanziati appunto con fondi erogati dall’Ue.

Oggi sono stati notevoli i clamori nell’ambiente politico vicino all’udc e alle frange venetiste responsabili del golpe del Viest contro Veneto Stato. Noi non vogliamo essere tra questi. Certamente da Giustino Cherubin ci dividono molte cose, a cominciare dalla sua concezione di democrazia, che lo ha portato infatti alla fuoriuscita da Veneto Stato, per cui non ha più rinnovato la tessera nel 2012.

Noi però non vogliamo puntare il dito con accuse facili in un momento in cui la polvere mediatica e il clima di corruzione dilagante magari lo renderebbe semplice. No, anzi. Esprimiamo la nostra piena fiducia nella magistratura, auspicando un’attività di indagine che appuri in tempi brevi se truffa c’è stata e che non lasci dubbi sul ruolo svolto da Giustino Cherubin.

Press News Veneto

Tratto da: http://www.pnveneto.org/2012/03/caso-cherubin-fiducia-nella-magistratura/